giovedì 18 agosto 2016

lunedì 2 febbraio 2015

Last Moon in Paris

            http://www.alessandrocorsi.com/







Last moon in Paris
SINOSSI
Un uomo, apprezzato manager di New York, a causa di una malattia vola a Parigi, dove aveva vissuto la propria infanzia col nonno, per terminare la sua vita in solitudine tra i ricordi. Incontra casualmente una donna che si colpevolizza della morte del marito, avvenuta durante una rapina in banca. L’uomo vorrebbe vivere ed è condannato a morire e la donna vorrebbe morire ma è condannata a vivere per la mancanza di coraggio di attuare quel gesto: due sentimenti e volontà opposte.
Le loro vite si incrociano, si sfiorano e si attraversano. Scambiano due parole e scelgono di passare una giornata insieme ad uno/una sconosciuto/a, quasi a cercare una parentesi nella propria disperazione. Inizia così un viaggio interiore, che accompagna il lettore a scoprire se stesso tramite l’animo dei protagonisti. La ricerca del coraggio, l’accettazione della paura, nuove scale di valori e nuovi sogni condizionati dal tempo a loro concesso, giocano in modo irriverente con piccoli gioielli di semplice quotidianità che accompagna i protagonisti nel loro viaggio.
Il sesso di una notte, fatto per disperazione, lentamente si trasforma in amore tra i due personaggi e amore verso le piccole cose di tutti i giorni che riscoprono con candido stupore. È una storia d’amore inaspettata, delicata, sorprendente, in una Parigi in cui vengono colti aspetti che spesso vivono sotto la superficie e vengono descritti come se le cose che ci circondano prendessero vita silenziosamente e ci osservassero. Un piccolo furto fatto per gioco, una rapina in banca, un tentato suicidio, una festa di campagna all’aperto, fughe nei ricordi del passato, vita frenetica di città a confronto con l’estasi della campagna parigina, fanno da contorno a questo nuovo anelito di vita. Infine una presenza misteriosa li accompagna in questo percorso che lascia nel finale l'emozione come protagonista assoluta.
Un racconto commovente, ironico, delicato che sfida il dramma celebrando la poesia che guida ogni nostra azione, comunque e sempre.